BANCA DATI

E se la dieta diventasse personalizzata?

image_pdfimage_print

Conoscere i batteri che ospitiamo nell’intestino potrebbe essere la chiave per rimanere in forma e in salute.

SPECIALE APRILE – Il nostro peso potrebbe essere determinato non solo da quello che mangiamo o da quanto sport pratichiamo. Se il nostro fisico è asciutto o in sovrappeso, in un certo senso è “scritto” all’interno del nostro corpo. Nel nostro intestino infatti ospitiamo trilioni di batteri, una quantità così elevata che va a costituire circa 1,5 Kg del nostro peso corporeo. I batteri restano nel nostro corpo non solo per trovare nutrimento e condizioni di vita ottimali. Nel nostro intestino contribuiscono anche al nostro stato di salute. Tra le varie funzioni che svolgono c’è anche l’assorbimento di nutrienti e la produzione dell’energia, due proprietà che influenzano la nostra massa corporea.

La popolazione batterica intestinale è composita e ogni cambiamento del suo equilibrio può determinare condizioni di obesità, può portare all’insorgenza di malattie metaboliche o allergie. Presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è sorto un Consortium clinico-laboratoristico per studiare i profili di microbiota. Lo studio si basa sulle caratteristiche genetiche del microbiota, che vengono analizzate tramite il sequenziamento di seconda generazione, una tecnica che consente la lettura dei geni che compongono il DNA estratto dall’insieme dei batteri intestinali. L’analisi del genoma permette l’identificazione della composizione batterica presente nell’intestino. “E oggi la caratterizzazione è così precisa che ci permette di distinguere il microbiota tipico di ciascun individuo, in modo personalizzato”, ha spiegato Valerio Nobili, responsabile di malattie epato-metaboliche dell’Ospedale Bambino Gesù.
Allo studio dei genomi si affianca l’analisi delle proteine e delle sostanze prodotte dai batteri. La caratterizzazione di tali sostanze avviene mediante un secondo strumento chiamato spettrometro di massa. Al termine delle analisi del microbioma, si ottiene una mappa genetica e una mappa biochimica, che costituiscono un’impronta caratteristica di ciascun individuo…

 Vedi articolo

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>