BANCA DATI

L’innovazione in agricoltura ed il ruolo dell’innovation broker

image_pdfimage_print

Si è concluso il 14 luglio (http://www.fidaf.it/wp-content/uploads/2017/07/Programma_def.pdf) presso la Regione Lazio il primo Corso di Partenariato Europeo per l’innovazione in Agricoltura (PEI AGRI), grazie a un Progetto Regionale sul Fondo Sociale Europeo che FIDAF, ARDAF e Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali hanno progettato e realizzato insieme a IRS Europa.

L’Unione europea è convinta che per il buon funzionamento del nuovo approccio all’innovazione sia fondamentale l’apporto di professionalità in grado di svolgere le funzioni di animazione, coordinamento, progettazione, attuazione, monitoraggio, controllo, rendicontazione. Tali compiti spettano alla figura dell’Innovation Broker, l’intermediario dell’innovazione.

I ventuno PSR 2014-2020 attivi in Italia hanno dedicato al sostegno a favore del nuovo approccio all’innovazione, uno stanziamento complessivo di 312 milioni di euro che dovrebbero finanziare il lavoro di 626 Gruppi Operativi (GO): 165 nel Lazio, 116 in Emilia Romagna e così via a scendere.

A metà maggio 2017, 14 tra Regioni e Provincie autonome italiane hanno avviato l’approccio PEI AGRI e risultano essere costituiti 62 GO.

La Rete Rurale Nazionale (RRN) ha fornito un supporto notevole ed ha messo a disposizione la maggior parte dei docenti. Il progetto FIDAF, ARDAF ed Ordine degli Agronomi di Roma è considerato dalla RRN come una buona pratica da proporre e ripetere anche in altre regioni italiane.

Venerdì 14 luglio vi è stato l’evento di chiusura del corso, con un convegno che si è tenuto a Roma, presso la sede della Regione Lazio (Sala Tevere), in via Cristoforo Colombo, 212, con la presenza dell’Assessore all’agricoltura Carlo Hausmann.

Il Seminario Pubblico Finale ha rappresentato l’occasione per discutere sulle modalità scelte dalla Regione Lazio per l’attuazione dei PEI AGRI e per parlare dei bandi di imminente pubblicazione per la selezione dei Gruppi Operativi (GO) e dei progetti da finanziare.

Il convegno è iniziato alle 9,00 e si è concluso alle 13,30. Durante i lavori sono stati consegnati gli attestati di partecipazione ai liberi professionisti che hanno seguito con profitto il corso.

Programma

ATTI DEL CONVEGNO

Nota: Clicca sul titolo della presentazione
per consultare e scaricare il documento in .pdf

Il progetto formativo “Approccio PEI AGRI”
Ermanno Comegna, IRS Europa

Il PEI per l’agricoltura, strumento per trasferire l’innovazione
Anna Vagnozzi, CREA

Presentazione dei project work realizzati
dagli allievi del corso di formazione

Allievi corso coordinati dalla dott.ssa Anna Vagnozzi, CREA

I sistemi di innovazione in agricoltura – un approccio per
rafforzare le capacità di cambiamento

Andrea Sonnino,
Divisione Biotecnologie ed Agroindustria, ENEA

I fabbisogni di innovazione delle imprese agricole ed
agroalimentari, ascoltare i bisogni

Edoardo Corbucci,
Ordine dei Dottori Agronomi e
Dottori Forestali della Provincia di Roma

Tecnologie per la competitività delle imprese:
dalla ricerca all’applicazione

Nicola Colonna,
Laboratorio Sostenibilità delle
produzioni agroalimentari, ENEA

Filiere ed innovazione per il PEI della Regione Lazio
Alessandro Sorrentino, Università della Tuscia

La misura 16.1 del Piano di Sviluppo Rurale
del Lazio 2014/2020

Fabio Genchi, Dirigente della Direzione Regionale
Agricoltura, Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca

Mirbeau's Garden the Terrace - Camille Pissarro

Mirbeau’s Garden the Terrace – Camille Pissarro

Documenti Correlati

One Response to L’innovazione in agricoltura ed il ruolo dell’innovation broker

  1. Pingback: Fondazione Barilla: il lavoro del futuro è green, smart e social - Meteo Web

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>