BANCA DATI

A controllare le nuove tecnologie sarà chi conosce meglio la biologia delle piante. Più che chi controlla il metodo.

image_pdfimage_print

Fino a oggi, il controllo commerciale sulle tecniche di biologia molecolare per il miglioramento genetico è stato esercitato soprattutto dalle pochissime grandi aziende proprietarie dei brevetti sui metodi di modificazione, che sono utilizzabili su tutte le specie di piante.

Le nuove tecnologie del genome editing , invece, sono inutilizzabili senza una conoscenza estremamente precisa dei meccanismi molecolari da modificare.

Questa conoscenza i genetisti e i biologi delle piante la stanno accumulando da alcuni anni grazie alla genomica, quella branca della genetica che studia il DNA di un organismo cercando di scoprire la funzione dei geni e delle singole sequenze che li compongono.

Questa conoscenza è un patrimonio che è specifico di ciascuna specie, e spesso di ciascuna varietà, e che è in mano quasi sempre al sistema di ricerca di ciascun paese, in genere le università e gli istituti di ricerca pubblici, anziché a poche grandi aziende internazionali…

Sommario_ Prima i geni

Vedi art. cap. 11

immagine_cap_11_ge

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>