VIRTU

BANCA DATI

Gestire in modo efficiente gli input chimici ed energetici in agricoltura, riducendo l’inquinamento ambientale

La produzione di alimenti ottenuta con l’approccio convenzionale dell’agricoltura, così come intesa posteriormente all’introduzione della meccanizzazione e della chimica di sintesi largamente basata sui combustibili fossili e i loro derivati, ha sempre più mostrato nel tempo i suoi limiti economici ed ecologici.

Nonostante il nostro paese, tra quelli dell’Europa occidentale, sia tuttora il maggior consumatore di pesticidi per unità di superficie coltivata, con valori doppi rispetto a quelli della Francia e della Germania, la maggior parte dei Piani di Sviluppo Regionale (PSR) continuano a mostrare una scarsa tendenza a promuovere approcci gestionali di maggiore sostenibilità degli agroecosistemi. L’esperienza, sviluppatasi negli anni, nel settore della valutazione dell’effetto dei pesticidi nei confronti dell’ambiente e della salute pubblica si è recentemente incontrata con la sempre maggiore attenzione a livello europeo su queste problematiche.

La nuova strategia europea sui pesticidi ha come obiettivo principale la riduzione dei rischi per la salute, l’ambiente e la biodiversità attraverso una riduzione e razionalizzazione dell’uso dei prodotti fitosanitari, sia in ambito agricolo che extra-agricolo. In questo quadro comunitario rientra la direttiva 2009/128/CE sull’uso sostenibile dei pesticidi, recepita in Italia con il Decreto Legislativo 14 agosto 2012, n. 150 e con il Decreto Ministeriale 22 gennaio 2014 che istituisce un Piano d’Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (PAN)…

Vedi articolo

Portsmouth, William Turner

Portsmouth, William Turner

RelatedPost

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments