VIRTU

BANCA DATI

Rischi da nuovi surrogati alimentari

Surrogato o sostituto, in tedesco ersatz, parole che agli anziani ricordano le Sanzioni comminate all’Italia dalla Società delle Nazioni e la guerra. In questi tristi periodi gli italiani si vestono con surrogati della lana, la fibra artificiale rayon o un filato ricavato dal latte (lanital), mentre le scarpe sono di cuoio artificiale (cuoital). Nella alimentazione vi è una prolificazione di surrogati autarchici destinati alla povera gente e spesso scadenti: al posto del caffè si bevono infusi di orzo mondo o vestito, ghianda o cicoria tostata. Al posto della carne compaiono prodotti incredibili e improbabili come il Condit, una specie di ragù, e la Vegetina miscela più o meno sospetta di vegetali. L’Ufficio propaganda del PNF (Partito Nazionale Fascista) pubblica l’opuscolo Sapersi Nutrire ricco di consigli alimentari restrittivi e di norme dietetiche, con illustrazioni e motti sulla infelicità e i malanni provocati da un eccesso di cibo proclamando che “Ne uccide più la gola che la spada” e che “gli obesi sono infelici”, non dimenticando di proclamare i malanni causati dai grassi e sopratutto dalle carni. Sui giornali compaiono consigli per fare maionese senza uova o altri piatti “senza” questo o quell’alimento scarso, razionato o introvabile e per le sue ricette risparmiose diviene celebre Petronilla, nome di scrittura sulla Domenica del Corriere di Amalia Foggia Moretti, una delle prime donne laureate in medicina…

Vedi articolo

Allegoria della guerra - Jan Brueghel Il Giovane

Allegoria della guerra – Jan Brueghel Il Giovane

RelatedPost

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments