VIRTU

BANCA DATI

Radicchio di Treviso: in Australia il “tarocco”

Anche sulle tavole australiane, il tarocco è servito: ecco in vendita un “Treviso Radicchio” made in Australia. L’etichetta assicura che si tratta di “lattuga italiana rossa, con un leggero retrogusto amarognolo”, ma l’amaro in bocca lo sentono soprattutto i produttori del vero Radicchio Rosso di Treviso Igp, vedendo che quella “lattuga italiana” arriva da Homebush, anonima zona industriale di Sydney.

A segnalare l’ennesima frode ai danni dell’agroalimentare italiano è Mirco Battistella, un ragazzo di Godega di Treviso (già produttore di Prosecco, e quindi esperto di tarocchi dai nomi improbabili) che da qualche anno vive e lavora in Australia.

Ha visto la confezione sugli scaffali di un supermercato, ha scattato una foto con il suo smartphone e in tempo reale la notizia, ieri, era già in Italia: “Un radicchio di Treviso made in Cangurandia! Venduto in centro a Sydney nel reparto Italian Food di un noto supermercato gourmet”.

 Anche Paolo Manzan, presidente del Consorzio Tutela del Radicchio Rosso di Treviso Igp, ha visto la foto. E, è proprio il caso di dirlo, ha masticato amaro: “Non c’è verso di difendere il marchio Igp fuori dalla Comunità Europea. Vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno? Beh, se lo conoscono anche a Sidney, significa che il nostro marchio è affermato”. Il bicchiere mezzo pieno, in realtà, parla anche di un consorzio in continua crescita: 120 aziende produttrici (di medio grandi dimensioni, concentrate soprattutto fra Treviso e Castelfranco), una crescita del 20-25 per cento ogni anno, produzione di circa 600 mila quintali nel 2014…

Vedi articolo

Sun Rising Through Vapor, Fisherman Cleaning and Selling Fish,   William Turner

Sun Rising Through Vapor, Fisherman Cleaning and Selling Fish, William Turner

RelatedPost

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments