VIRTU

BANCA DATI

Mele delle Dolomiti conservate in miniere hi-tech

È un’opera unica al mondo e dopo otto anni di lavoro sintetizza la svolta verde nelle “Langhe delle mele” trentine. Le catacombe delle Golden affondano nel sottosuolo per 15 chilometri, occupando 80 ettari della miniera di Rio Maggiore. Le celle per la frutta stanno prendendo il posto di oltre 90 mila metri cubi di Dolomia, la roccia che duecento milioni di anni fa si trovava sul fondo dell’oceano.

Le mele staccate degli alberi in montagna, prima di finire sulla tavola, stagioneranno tra le alghe fossili, dove un tempo crescevano i coralli marini. I primi a pensare di raffreddare le grotte di carbonato doppio di calcio e magnesio per conservare il più ricco patrimonio frutticolo italiano, erano stati presi per pazzi visionari. Oggi invece sono gli eroi della sostenibilità e grazie agli scienziati delle università di Trento e di Trondheim, in Norvegia, il “caso Melinda” conquista le copertine dei grandi media internazionali. “Avevamo due emergenze – dice Michele Odorizzi, 55 anni, presidente del consorzio che unisce 4 mila contadini -. Un cementificio non sapeva come usare i tunnel scavati sotto le Dolomiti, noi non avevamo più spazio per 400 mila tonnellate di mele all’anno. L’alta tecnologia ha permesso di trasformare il problema nella soluzione”.
Nelle inedite celle ipogee, il primo anno, tra scontri e scetticismo sono finite solo 120 tonnellate di frutti di seconda scelta. Il risultato dell’esperimento è stato straordinario…
The Garden in Spring Eragny - Camille Pissarro

The Garden in Spring Eragny – Camille Pissarro

RelatedPost

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments