VIRTU

BANCA DATI

Confprofessioni ER entra nel Patto per il Lavoro della Regione

Con la firma del documento, la Confederazione parteciperà attivamente e a pieno diritto al tavolo di confronto e concertazione istituito dalla Regione Pungetti: «Importante riconoscimento del nostro ruolo sociale»

I professionisti entrano nel Patto per il lavoro dell’Emilia Romagna. Con la firma del documento, Confprofessioni ER parteciperà attivamente e a pieno diritto al tavolo di confronto e concertazione istituito dalla Regione. Anche in Emilia Romagna alla Confederazione  viene riconosciuto ufficialmente  il ruolo di parte sociale, inaugurando una nuova fase nel dialogo tra le istituzioni locali e il mondo delle libere professioni.

Il Patto, siglato tra la Regione Emilia-Romagna, parti sociali (sindacati e associazioni imprenditoriali), enti locali, organismi di rappresentanza e università, si propone di promuovere le condizioni di sviluppo economico per il futuro a breve e medio termine del territorio, integrando tutti gli strumenti a disposizione e i diversi punti di vista delle componenti coinvolte, in una logica di continuo confronto e di verifica dei contenuti del Patto e delle relative politiche regionali.

«I liberi professionisti costituiscono una risorsa fondamentale per la crescita della nostra economia – ha affermato il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini – eppure per troppi anni non sono stati coinvolti in fase di programmazione. Riteniamo che il nostro lavoro sia immaginare l’Emilia Romagna di domani, e che per farlo al meglio non possiamo non tenere conto della loro voce»…

Vedi articolo

Camille Pissarro, Mattino d'autunno

RelatedPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *