VIRTU

BANCA DATI

Virus: emergenza alimentare

image_pdfimage_print

Fino a un recente passato molte epidemie alimentari sembravano avere un’origine sconosciuta perché le analisi microbiologiche non individuava-no alcun batterio. Poi in molti focolai si è scoperta la presenza di virus filtrabili, che percentualmente vanno assumendo una sempre maggiore importanza, man mano inoltre che i sistemi di controllo diminuiscono la frequenza delle tossinfezione batteriche. Oggi le infezioni alimentari da virus sono divenute un’emergenza che richiama l’attenzione dei ricercatori, autorità sanitarie e organizzazioni quali l’EFSA, che in un Forum dell’ottobre 2016 ha definito i virus di origine alimentare una priorità per la salute pubblica.

Nell’Unione Europea, i virus trasmessi con gli alimenti rappresentano la seconda causa principale di focolai d’intossicazioni alimentari dopo la Salmonella. Il cibo può divenire un veicolo di trasmissione agli esseri umani di virus che in alcuni casi si dimostrano molto contagiosi e che determinano focolai diffusi.
Molti sono i virus in causa e i più importanti sono il norovirus e il virus dell’epatite A presenti nei prodotti freschi, nei cibi pronti e nei molluschi bivalvi quali ostriche, cozze e cappesante, alimenti classificati come pericoli prioritari anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Sotto attenzione è anche il virus dell’epatite E, considerando la sua notevole presenza nei suini in tutta Europa e la sua trasmissione attraverso gli ali-menti, nonostante i pochi casi clinici umani nell’UE. Altro virus che può essere trasmesso con gli alimenti è il rotavirus, particolarmente associato alla gastroenterite dei bambini. D’importanza epidemiologica ancora da precisare sono virus quali l’aichivirus A, il sapovirus (un calicivirus), i parvovirus e gli astrovirus.
I virus d’interesse alimentare non derivano soltanto dalle materie prime (prodotti ittici, vegetali e carni) ma anche dalle manipolazioni alle quali sono sottoposti (coltivatori e operai, preparatori di alimento, cuochi, personale di cucina e di sala infetti o portatori). Dato che i virus non si replicano negli alimenti, la trasmissione alimentare dei virus avviene con la loro contaminazione, se chi lo lavora è infetto o portatore e eliminatore di virus e opera con scarse pratiche igieniche. Importante è anche il contatto degli alimenti e degli animali che lo producono con concimi animali, liquami umani o acque contaminate da liquami…
Garden in Bloom at Sainte-Addresse - Claude Monet

Garden in Bloom at Sainte-Addresse – Claude Monet

RelatedPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *