BANCA DATI

Venerdì Culturale 18.10.2019 – “L’informazione sulla sicurezza degli alimenti tra pregiudizi e bufale. Chi ci guadagna?”

image_pdfimage_print

Relatore: Agostino Macrì

“L’informazione sulla sicurezza degli alimenti tra pregiudizi e bufale. Chi ci guadagna?”

Venerdì 18/10/2019 dalle ore 17:00 alle 19:00

INGRESSO LIBERO

FIDAF – Sala Medici

Via Livenza, 6 (traversa di via Po)

PROGRAMMA STAMPABILE

—————————————————————————————————————————

In questo periodo nel nostro Paese, grazie alla ampia disponibilità di materie prime nei mercati internazionali e anche alla capacità di trasformazione dell’industria alimentare, nel nostro Paese c’è abbondanza di cibo.
L’intero settore produttivo alimentare è di importanza strategica per l’economia italiana per il suo fatturato che supera i 130 miliardi di euro l’anno.
I cittadini sono “investiti” di messaggi tendenti a esaltare o, al contrario, denigrare questo o quel prodotto che hanno come scopo finale quello di vendere quanto più possibile.
Analizzeremo alcuni di questi messaggi cercando di capire quali sono gli interessi coinvolti.

Agostino Macrì

Laureato in Scienze Biologiche e in Medicina Veterinaria, ha svolto la sua attività all’Istituto Superiore di Sanità fino alla pensione. Si è occupato di additivi e farmaci dei mangimi, residui di sostanze chimiche negli alimenti di origine animale, tossicologia alimentare, valutazione dei rischi degli alimenti, tossinfezioni alimentari, impatto ambientale degli allevamenti. Su questi argomenti ha pubblicato circa 250 lavori scientifici.
Attualmente, è professore di Ispezione degli Alimenti e Analisi dei Rischi all’Università Campus Biomedico di Roma e responsabile della Sicurezza Alimentare dell’Unione Nazionale Consumatori.

vegetables_fruit

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>