BANCA DATI

Uso di artropodi fitofagi nel controllo delle erbe infestanti

image_pdfimage_print

Il problema delle malerbe è di crescente interesse, anche a causa del rapido aumento di trasporti ed attività commerciali internazionali che favoriscono lo spostamento degli organismi attraverso diverse aree geografiche. Il controllo biologico delle infestanti sembra offrire una soluzione sicura, economica e sostenibile per l’ambiente 

DOI 10.12910/EAI2016-043

Quando si parla di controllo biologico di tipo classico ci si riferisce, in senso generale, all’utilizzo di organismi viventi “utili” (agenti di controllo biologico) che compiono il proprio ciclo vitale (o parte di esso) a discapito della specie pest, determinandone la riduzione della popolazione ad una densità tale da non costituire più un problema economico. Nella definizione di controllo biologico in senso stretto, sono esclusi quei metodi che impiegano sostanze naturali quali, ad esempio, feromoni, metaboliti secondari, tossine fungine e batteriche (a meno che non vengano usati insieme agli organismi che li producono), mentre vi rientrano sia il controllo biologico delle piante infestanti che quello microbiologico…

Vedi articolo

The Garden of St. Paul's Hospital at St. Remy - Vincent Van Gogh

The Garden of St. Paul’s Hospital at St. Remy – Vincent Van Gogh

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>