BANCA DATI

Una sentinella digitale per i cambiamenti ambientali

image_pdfimage_print

Una nuova “app” è stata messa a punto dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) statunitense e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), grazie al supporto del team di Google Earth Engine e del programma SilvaCarbon del governo degli Stati Uniti. L’obiettivo è quello di consentire di tenere ovunque traccia dei cambiamenti nell’uso del terreno e del paesaggio.
La nuova tecnologia si chiama CEO e amplifica la potenza del precedente strumento Open Foris Collect Earth della FAO, che negli ultimi anni, ha consentito la raccolta di dati sull’uso del suolo, sulla deforestazione e su altri aspetti ambientali, con l’aiuto di immagini satellitari.
Il CEO diventerà una tecnologia centrale, a supporto del rilevamento remoto globale della FAO.
La nuova piattaforma è gratuita, aperta a tutti, e consente agli utenti di ispezionare sistematicamente qualsiasi posizione sulla Terra con i dati satellitari.
Lo strumento di nuova generazione rende più facile condurre sondaggi, raccogliere campioni e utilizzare tecniche di crowdsourcing. È possibile accedere al CEO semplicemente collegandosi a: http://collect.earth/home.

Sia la FAO che la NASA si aspettano ulteriori utilizzi innovativi, ad esempio nella gestione delle catastrofi e nel monitoraggio dei ghiacciai. Ciò apre prospettive promettenti per iniziative che vanno dalla possibilità di contrastare l’habitat naturale della fauna selvatica a più ampi progetti per misurare le biomasse.
Vedi articolo
Campo di grano sotto cielo nuvoloso, 1890

Campo di grano sotto cielo nuvoloso, 1890

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>