BANCA DATI

Un pomodoro da coltivare nello spazio

image_pdfimage_print

Produce i suoi frutti appena due mesi dopo la semina, ha un ottimo rapporto frutti / foglie e ha in media un’altezza di 4 cm per 8 cm di larghezza, misure che la rendono adatta alla coltivazione sulle stazioni spaziali.
Il materiale è stato ottenuto da una cultivar di pomodoro ciliegino, modificando uno dei geni di una famiglia, attraverso la collaborazione delle Università Nazionale della Colombia (ONU) e Washington. I ricercatori hanno sviluppato il processo di ingegneria genetica per migliorare questa pianta nel Genetic Engineering Research Center dell’Università della California.
Si tratta della pianta di pomodoro più piccola al mondo, persino più piccola della varietà Micro-Tom, che è citata nella letteratura scientifica, e con la quale è stato effettuato il test di controllo.
Il team di ricerca è risultato uno dei due selezionati dalla NASA all’inizio di quest’anno, per ricevere finanziamenti nella categoria “Piante”. La pianta di pomodoro ha suscitato l’interesse dell’agenzia spaziale americana in quanto potrebbe diventare potenzialmente una fonte di cibo nello spazio e, inoltre, l’avere cura di un organismo vivente potrebbe contribuire alla stabilità emotiva degli astronauti.
Questa varietà “fiorisce e mette radici come qualsiasi altra, ma su scala molto ridotta. Inoltre, è importante sottolineare che produce più semi rispetto a piante di pomodori ciliegino. Per ottenere la pianta è stata implementata la moderna tecnica di editing genetico, utilizzando la tecnologia CRISPR, che induce una mutazione in uno dei nucleotidi del gene che consente il controllo delle dimensioni della pianta.

Vedi articolo

Autumn-Evening-Ferdinand-Hodler-autumn-evening-1892

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>