BANCA DATI

Stalle di soia, campi di maiali

Il Brasile è il più grande produttore di soia al mondo, la Cina è il principale allevatore di maiali: perché questi dati sono un problema?

image_pdfimage_print

AMBIENTE – C’era una volta la Repubblica delle banane. Uno stato ideale in cui il potere è controllato dalle multinazionali che impongono ed esportano una sola coltivazione: solo banane, solo caffè, solo canna da zucchero. E da qualche anno, soia. Tanta soia. Così tanta che ormai è tempo di parlare di Repubblica della soia.

La soia è un legume originario della Cina che si adatta a vivere in climi molto diversi. Grazie alla ricerca scientifica, inoltre, sono state selezionate varietà diverse per ciascuna area del pianeta. In Brasile, per esempio, cresce così bene che la foresta amazzonica viene abbattuta per fare spazio ai campi di soia. Greenpeace ha denunciato che nel 2018 sono spariti 7900 km^di foresta, un territorio pari a quello del Friuli-Venezia Giulia. Ma il suolo disboscato non è adatto all’agricoltura intensiva perché è troppo povero di sali minerali per garantire la crescita delle colture. E quindi bisogna ricorrere al largo consumo di fertilizzanti, che drogano il terreno e inquinano falde acquifere e fiumi…

Vedi articolo

Cipressi1, 1888

Cipressi1, 1888

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>