BANCA DATI

Seme da consumo diretto e per produzione di germogli (sprouting)

Messa a punto di tecniche colturali finalizzate alla riduzione dei residui di fitofarmaci ed all'elevata qualità sanitaria

image_pdfimage_print

Superfood da scoprire: semi e germogli

La tendenza dei consumatori ad acquistare semi e germogli è sempre più diffusa, in quanto per le loro proprietà benefiche fanno parte di quella che viene definita “alimentazione viva” in quanto vengono consumati al massimo della loro vitalità biologica. I semi per il consumo diretto e soprattutto quelli per produrre germogli, devono offrire garanzie per quanto riguarda le soglie dei residui da fitofarmaci e soprattutto l’assenza di contaminazioni batteriche nocive. Nasce così l’esigenza di sviluppare strategie di difesa e di conservazione post-raccolta, da applicare nei processi produttivi delle sementi destinate al consumo.
Il ricorso alle tecniche di produzione dell’agricoltura biologica potrebbe essere una soluzione per contenere al massimo il rischi di contaminazione dai residui dei trattamenti antiparassitari ma la maggior parte dei trattamenti in biologico sono basati sull’utilizzo di prodotti a base di rame che sappiamo, essere una molecola sotto la lente d’ingrandimento dalla Commissione europea che anche recentemente ne ha ristretto l’utilizzo.
Al fine di individuare tecniche a basso impatto che garantiscono la salubrità del seme, il Consorzio Sativa nell’ambito del PSR 2014-2020 della Regione Emilia Romagna ha presentato un progetto di filiera dal titolo “Filiera Sementi” nell’ambito del quale era inserito un progetto inerente alla Mis. 16.2.01 “Innovazione genetica, adeguamento colturale, analisi qualitative e supporti informatici per lo sviluppo delle colture da portaseme”
Il progetto che vede coinvolto CRPV nel ruolo di coordinatore delle attività, ha l’obiettivo di mettere a punto delle strategie di difesa a basso residuo e opportune procedure di gestione del post-raccolta in magazzino per garantire la qualità e la sanità del seme dal punto di vista microbiologico….

Vedi articolo

 Immagine

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>