BANCA DATI

Quale certificazione per la qualificazione dei materiali di propagazione delle piante da frutto?

image_pdfimage_print

L’articolo è una sintesi della giornata di studio che si è svolta all’Accademia dei Georgofili il 24 maggio u.s., su proposta del Comitato consultivo sui problemi della difesa delle piante.

Il comparto vivaistico, per sua natura, tra i differenti settori che compongono la filiera produttiva frutticola è quello da sempre caratterizzato da una forte innovazione, con un spinta propensione all’adozione e proposizione di nuovi prodotti e soluzioni per i frutticoltori.

Esso viene spesso preso come parametro per definire il grado di evoluzione e sviluppo dell’intero comparto agricolo di un paese e della sua capacità di affermarsi in ambito internazionale.
L’Italia in questo caso è tra i comprimari dello scenario mondiale, non solo europeo, e può vantare un settore vivaistico forte.
Il vivaismo frutticolo italiano alimenta la filiera nazionale, tra le più importanti in ambito comunitario, che vanta una serie di primati assoluti per volume e valore delle produzioni.
Passando al valore della produzione ortofrutticola nazionale, essa è stimata in 12, 8 Mld di Euro, di cui ben 4,5 rappresentano la quota esportata, ossia il 13% di tutto l’export agroalimentare nazionale che è di 35 Mld di Euro.
Numeri che parlano da sé e che sottolineano la strategicità di un vivaismo forte ed efficiente per il ruolo fondamentale che svolge nell’ambito dell’intera filiera frutticola e per il suo contributo al flusso dell’export italiano…
Steeton Manor House, near Farnley, William Turner

Steeton Manor House, near Farnley, William Turner

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>