BANCA DATI

Prevenzione della degradazione del suolo e mantenimento della fertilità

image_pdfimage_print

Fra le pratiche agricole che contribuiscono maggiormente alla degradazione del suolo rimangono le lavorazioni del terreno effettuate prevalentemente in maniera convenzionale e l’attuazione ancora diffusa di colture intensive, senza il necessario apporto di sostanza organica. A queste si aggiunge la preparazione del terreno mediante livellamenti e scassi per i nuovi impianti di colture arboree, in particolare vigneti nelle zone collinari, causando così catastrofiche perdite di suolo e di nutrienti, il cui danno in termini economici ed ambientali non viene ancora quantificato.

Esperimenti a lungo termine in differenti tipi di suoli, rappresentativi dei più tipici ambienti podologici italiani, hanno dimostrato che i sistemi di lavorazione del terreno alternativi alle tradizionali arature profonde, quali la lavorazione minima, la discissura, ecc., migliorano il sistema dei pori aumentando i pori della riserva idrica e i pori di trasmissione, cioè quei pori allungati e continui che consentono i movimenti dell’acqua e la crescita delle radici.
Altro aspetto della degradazione del suolo fortemente sottovalutato è rappresentato dal compattamento in seguito all’utilizzo di macchine agricole sempre più potenti e pesanti su terreni ormai impoveriti di sostanza organica e quindi altamente vulnerabili. Il compattamento non è solo causato dal traffico delle macchine agricole ma anche dalla formazione dello strato compatto al limite inferiore della lavorazione del terreno: la così detta “suola d’aratura” la quale sconvolge le proprietà idrologiche del suolo ed è responsabile delle frequenti sommersioni nelle pianure alluvionali, dove predomina la monocoltura, in occasione di violente piogge concentrate in poco tempo, o dei movimenti di massa nelle zone collinari…
Lasciate che i pargoli vengano a me (Sinite Parvulos) - Artemisia Gentileschi

Lasciate che i pargoli vengano a me (Sinite Parvulos) – Artemisia Gentileschi

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>