BANCA DATI

Onde gravitazionali

image_pdfimage_print

Il premio Nobel per la fisica del 2017 è stato assegnato a Rainer Weiss, Kip Thorne e Barry Barish per il loro contributo all’interferometro LIGO e l’osservazione delle onde gravitazionali. Nel febbraio dello scorso anno l’annuncio della prima osservazione di un’onda gravitazionale, una vibrazione dello spazio tempo prevista da Einstein più di cento anni fa. Per rilevarla è stato necessario misurare una deformazione della dimensione di un atomo su una distanza di circa 4 chilometri. Carlo Rovelli racconta del suo incontro con Kip Thorne agli inizi degli anni 2000 quando il fisico, oggi Nobel, gli disse: “Secondo te non dobbiamo provarci?”. [Corriere della Sera; Carlo Rovelli]

Proprio la scorsa settimana è arrivato l’annuncio dell’osservazione della quarta onda gravitazionale da parte della collaborazioe LIGO-VIRGO. Si tratta della prima osservazione realizzata con tre rivelatori, i due interferometri LIGO collocati in USA e l’interferometro VIRGO che si trova nella campagna vicino Pisa e ha cominciato a raccogliere dati ad agosto. I tre rivelatori hanno permesso di misurare per la prima volta la polarizzazione dell’onda e localizzare con maggiore precisione l’evento di collisione tra buchi neri che la ha originata 1,8 miliardi di anni luce lontano dalla Terra. [Los Angeles Times; Amira Khan]

La prima onda gravitazionale è stata osservata dai due interferometri di LIGO il 14 settembre 2015 e annunciata l’11 febbraio 2016. Il racconto della scoperta sul New Yorker. [The New Yorker; Nicola Twilley]

Paesaggio invernale con trappola per uccelli - Pieter Brueghel Il Giovane

Paesaggio invernale con trappola per uccelli – Pieter Brueghel Il Giovane

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>