BANCA DATI

News dalla Conferenza regionale dell’agricoltura toscana per le zone montane e le foreste

image_pdfimage_print

Dalla Conferenza tenutasi a Lucca il 5 e 6 aprile 2017 è emersa una nuova attenzione per le zone montane e le foreste che non si verificava da tempo. Dopo una breve analisi delle criticità ambientali registrate sul territorio rurale, sono stati evidenziati alcuni problemi che interessano i Comuni montani: dallo spopolamento, all’invecchiamento della popolazione, particolarmente accentuata in montagna, alle potenzialità del patrimonio forestale toscano. E’ stato evidenziato che la Regione Toscana con oltre 1 milione di ettari di boschi, assorbe circa 10 milioni di tonnellate di CO2, pari a circa 1/3 delle emissioni complessive regionali!

Ha fatto piacere sentire che il paesaggio è il frutto di millenni di interazioni tra l’uomo e l’ambiente e, in quanto tale, connota l’agricoltura toscana; che la necessità di processi innovativi e sostenibili è indispensabile per la salvaguardia del paesaggio e delle attività antropiche che caratterizzano i diversi ambienti della Toscana.
Se è vero che i boschi coprono circa il 50% della superficie regionale, che per oltre la metà sono localizzati in montagna (l’altra metà circa è in collina), che i 3/4 circa sono boschi cedui, mentre le fustaie rappresentano meno di 1/5 del totale dei boschi, allora le politiche forestali non possono non interessare la collina e la montagna.
La conferenza ha posto l’accento sulla perdita della redditività di alcune attività agricole e, tra queste, segnatamente per i seminativi, per la zootecnia, per le foreste…
The Garden Collettes - Auguste Renoir

The Garden Collettes – Auguste Renoir

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>