BANCA DATI

Mungitura robotizzata e costo di produzione del latte

image_pdfimage_print

Dopo diecimila anni di mungitura a mano degli animali, cento anni fa inizia l’era della mungitura meccanica, ora robotizzata, che si sviluppa in tre fasi.
Nel 1917 negli Stati Uniti è commercializzata la prima macchina mungitrice “a secchio”, azionata dal vuoto e con pulsazioni controllate, adatta per singoli animali ospitati in stalle tradizionali a stabulazione fissa. Pochi anni dopo, nel 1924, nella mungitura meccanica di mandrie numerose il latte prelevato, attraverso una speciale tubazione posta sopra le poste degli animali, è trasportato a una cisterna di raccolta.
Dopo l’ultima guerra negli allevamenti a stabulazione libera è la mungitura meccanica che determina la nuova organizzazione della stalla, progettata e costruita attorno alla sala di mungitura che in diversi modelli ingegneristici diviene sempre più raffinata, ma ha sempre necessità dei mungitori che intervengono nelle due e anche tre mungiture giornaliere.
Negli ultimi anni e in numerose ragioni anche europee si diffonde la mungitura robotizzata, nella quale la bovina, spontaneamente e diverse volte il giorno, si reca a una postazione dove è munta da un robot, ricevendo nello stesso tempo una parte della sua alimentazione, individualmente calibrata. Almeno sette sono i punti di forza della mungitura robotizzata alla base del suo successo.
Il primo motivo è la rapida evoluzione tecnologica dei robot, sempre più precisi, affidabili e con una progressiva diminuzione dei costi di acquisito ed esercizio. Una seconda ragione del successo è che il robot elimina il gravoso lavoro di abili mungitori, di non sempre facile reperibilità. Terzo motivo è che le due mungiture giornaliere stanno creando non pochi problemi alla mammella delle bovine molto produttive, che hanno bisogno di tre e più mungiture nelle ventiquattro ore. Quarto motivo consiste che la bovina, animale biologicamente predisposto a un’alimentazione continua, utilizza volentieri la mungi-tura robotizzata perché attratta dal mangime che le è somministrato secondo le sue necessità e questo contribuisce a un suo migliore benessere…
Vedi articolo
Murnau Garden - Wassily Kandinsky

Murnau Garden – Wassily Kandinsky

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>