BANCA DATI

Le origini della Genetica Agraria in Italia

La genetica prima della genetica

image_pdfimage_print

La nascita della genetica, avvenuta nel 1900, a 35 anni di distanza dal concepimento mendeliano, è stata il prodotto di un mondo che praticava l’agricoltura da oltre 10.000 anni per lo svolgimento di un lavoro pratico che oggi chiamiamo “miglioramento genetico”. A questo lavoro si deve la più grande trasformazione genetica mai avvenuta, e difficilmente superabile nei suoi effetti: la trasformazione delle piante e degli animali selvatici in piante e animali domestici.                                                               Attraverso i secoli l’attività umana ha portato alla formazione, più o meno consapevole, di razze e varietà locali. Ad un lavoro programmato si è cominciato a pensare nel XIX secolo, agendo con la selezione e l’incrocio entro e tra popolazioni. Queste operazioni, prive di base scientifica e perciò lente e condotte da individui isolati, erano in una fase di sviluppo embrionale, ma pronta ad esplodere con la nascita della genetica, che ha spiegato i successi già raggiunti e ha fornito gli elementi per programmare scientificamente il lavoro.

 Vedi articolo:  2014 Lorenzetti Storia_SIGA

Pagliai a Castiglioncello, Odoardo Borrani

Pagliai a Castiglioncello, Odoardo Borrani

Documenti Correlati

One Response to Le origini della Genetica Agraria in Italia

  1. Pingback: Newsletter n. 8 – Ottobre 2015 |

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>