BANCA DATI

L’agricoltura sostenibile può mitigare i cambiamenti climatici e le migrazioni forzate

image_pdfimage_print

La FAO e IOM: serve rinnovato impegno per lo sviluppo rurale – una persona al secondo sfollata a causa dei disastri climatici

6 luglio 2017, Roma – I cambiamenti climatici rappresentano un grave rischio per le popolazioni rurali nei paesi in via di sviluppo, portando spesso a fenomeni migratori forzati. Rafforzare l’agricoltura sostenibile rappresenta una parte essenziale di politiche che vogliano affrontare con efficacia tale problema – ha affermato oggi il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva.

Il Direttore Generale ha citato cifre che mostrano come, a partire dal 2008, disastri legati al clima e alle condizioni meteorologiche hanno causato uno sfollato al secondo – una media di 26 milioni all’anno. Il Direttore Generale ha poi aggiunto che il fenomeno è destinato a peggiorare nell’immediato futuro, con le zone rurali che fanno sempre più fatica a confrontarsi con un meteo sempre più caldo e con precipitazioni sempre più erratiche. “La soluzione a queste grandi sfide sta nel rafforzare le attività economiche nelle quali la maggior parte delle popolazioni rurali sono già coinvolte” ha affermato.

Graziano da Silva è intervenuto, assieme al Direttore Generale dell’ Organizzazione internazionale per le migrazioni (IOM – acronimo inglese) William Lacy Swing, in un evento collaterale tenutosi durante la Conferenza biennale della FAO…

Vedi articolo

In The Garden - Camille Pissarro

In The Garden – Camille Pissarro

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>