BANCA DATI

L’agricoltura italiana durante la grande guerra

image_pdfimage_print
L’Italia agricola occupava alle soglie della Grande Guerra poco meno della metà degli italiani (ambo i sessi, superiori ai 13 anni di età), e fu coinvolta nella sua interezza nel conflitto: il richiamo degli uomini al fronte, che lasciarono i campi a donne e anziani; la necessità di rispondere alle esigenze di approvvigionamento alimentare delle truppe, ma anche dell’intera popolazione; il rifornimento di legname da ardere e soprattutto da costruzione che il fronte richiedeva costantemente.
Circa il 46% dei richiamati alle armi provenivano dalle campagne (2,6 milioni) e rappresentavano più della metà dei contadini in età adulta. Oltre alla diminuzione di manodopera i danni per l’agricoltura derivarono anche dall’incetta del bestiame (2,5 milioni di capi) e dalla diminuzione dei concimi chimici, al tempo ancora ampiamente importati soprattutto dalla Germania (scorie Thomas).
L’alimentazione delle truppe determinò una forte richiesta di frumento e di altre derrate ad alto valore nutritivo come la carne. Per assicurare l’approvvigionamento, l’esercito provvide con strutture da campo (forni e mulini di guerra) e facendo ricorso a forni e mulini privati; mentre l’industria alimentare fu impegnata nella produzione di gallette e di conserve di carne e di condimenti. Non meno complessi furono i problemi di approvvigionamento della popolazione urbana, aggravate dall’incremento dei prezzi, dalla svalutazione monetaria e dall’aumentato costo della vita. L’ascesa dei prezzi raggiunse nel 1918 un incremento medio del 200% per generi alimentari come pane, farina bianca, pasta, riso, carne bovina, lardo, burro, latte, olio d’oliva.
Il fronte determinò inoltre una forte richiesta di legname, sia da opera (trincee, baracche e veri e propri villaggi militari per il ricovero di uomini, animali e derrate alimentari), sia da ardere (soprattutto per alimentare i forni di guerra). Senza contare, naturalmente, le distruzioni provocate dalla guerra, in particolare nell’altopiano di Asiago con le sue fustaie…
Georgofili INFO 
Frosty Morning, William Turner

Frosty Morning, William Turner

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>