BANCA DATI

Il Club of Bologna e l’Accademia dei Georgofili premiano i vincitori del “Giuseppe Pellizzi Prize”

image_pdfimage_print

Il Club di Bologna (www.clubofbologna.org) è una organizzazione libera senza scopo di lucro, istituito nel 1989 per iniziativa e con il sostegno di FederUnacoma con lo scopo di promuovere discussioni e scambi di esperienze tra i principali esperti internazionali nel campo delle macchine agricole e della meccanizzazione.
Il Club si riunisce una volta l’anno a Bologna e ad Hanover in occasione di EIMA e di Agritechnica, le due più importanti esposizioni europee di macchine agricole. Durante gli incontri i partecipanti si confrontano su diversi argomenti portando le loro esperienze ed elaborando “Conclusioni e Raccomandazioni” da presentare ai Governi nazionali, alle Organizzazioni Internazionali, al mondo della ricerca e agli imprenditori agricoli e ai costruttori di macchine.
Attualmente nel Club sono rappresentati 31 Paesi di tutto il mondo e 8 Organizzazioni Internazionali.

Per promuovere la partecipazione di giovani ricercatori alle attività e agli obiettivi del Club, comuni con quelli dei Georgofili, e per ricordare e ricordare il suo fondatore Giuseppe Pellizzi, il Club di Bologna e l’Accademia dei Georgofili organizzano ogni due anni il concorso internazionale “Premio Giuseppe Pellizzi”, riservato a Tesi di Dottorato attinenti al tema delle “macchine agricole e della meccanizzazione”.

Quest’anno il premio è giunto alla sua terza edizione e ha visto la partecipazione di otto concorrenti provenienti da quattro Paesi (USA, Francia, Spagna e Italia) con lavori su aspetti della meccanica agraria molto innovativi:

1.       Daeun Choi, Penn State University (USA), Development of intelligent vision sensing systems to support precision agriculture practices in Florida citrus production;
2.       Marco Grella, University of Torino (ITA), Air blast sprayers spray dritf performance evaluation. An application of direct (ISO 22866:2005a) and new alternative indirect test methods for spray drift assessment;
3.       Daniela Lovarelli, University of Milano (ITA), Application and enhancement of life cycle assessment and water footprint approaches to agricultural machinery operations;
4.       Giorgio Macrì, Universiti La Tuscia (ITA), Optimizing the wood supply chain in calabria: from harvest site to the mill of wood process;
5.       Antonio Miranda, University of Cordoba (ESP), Strategies for the optimization of the efficiency in the plant protection product applications in olive canopies;
6.       Abhisesh Silwal, Washington State University (USA), Machine vision system for robotic apple harvesting in fruiting wall orchards;
7.       Emanuele Tona, University of Milano (ITA), Contributions on advanced automation for selective protection treatments on specialty crops;
8.       Andrii Yatskul, University La Salle (FRA), Modelling and energy consumption of the operative parts of air seeders;

La giuria, composta dai Membri del Management Committee del Club of Bologna e da un membro del Consiglio Accademico della Accademia die Georgofili, ha individuato le tesi più interessanti, indicando i seguenti vincitori:
Daeun Choi (1° posto), Andrii Yatskul (2° posto), Antonio Miranda e Marco Grella (3° posto ex-equo).

I vincitori, oltre a un premio in denaro, avranno l’opportunità di partecipare – ospiti di FEDERUNACOMA – alle riunioni del Club of Bologna per i prossimi cinque anni, al termine dei quali sarà valutata la loro eventuale affiliazione come Full Members del Club.

La cerimonia di premiazione avverrà durante il 28° Meeting del Club of Bologna, a Bologna in occasione dell’EIMA, il 10 Novembre alle ore 12.00, presso la Sala Sinfonia (Padiglione 39).
Vedi articolo
Iris, 1889

Iris, 1889

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>