BANCA DATI

Frutta e verdura, tra salute, sicurezza ed economia

image_pdfimage_print

Buone notizie dal mondo delle imprese ortofrutticole italiane: da quanto emerso dalla recente assemblea annuale dell’associazione, la frutta e la verdura che consumiamo sulle nostre tavole sono molto sicure. Sono stati, infatti, presentati i risultati dei controlli effettuati che dimostrano che soltanto una percentuale trascurabile di campioni non corrisponde ai rigorosi limiti imposti dalle Autorità Sanitarie.

Queste informazioni dovrebbero convincere tutti noi a proseguire nel trend ormai avviato di incrementare il consumo di frutta e di verdura, alimenti fondamentali per la nostra salute grazie all’apporto di nutrienti di elevato valore biologico come le vitamine, i sali minerali, gli antiossidanti, gli zuccheri complessi oltre che la fibra grezza indispensabili per i processi digestivi.

A questo si aggiunge il valore economico: dalla lettura di un interessante documento, elaborato sulla base dei dati Istat dalla Fruitimprese, si rileva che il settore ortofrutticolo ha un’importante valenza per l’economia nazionale. E’ infatti è una delle principali voci del nostro export che nel 2015 è stata di oltre 4,5 miliardi di euro; dall’altra parte della bilancia c’è l’import  che, sempre nel 2015, è stato di circa 3,8 miliardi di euro. Il saldo attivo, in decrescita rispetto agli anni precedenti, è stato di circa 700 milioni di euro.

Nello stesso documento sono riportati i dati per singole categorie merceologiche e alcuni di essi sono sorprendenti: in alcuni casi, agrumi e pomodori, ad esempio, l’import è superiore all’export. Ciò significa che nella nostra alimentazione sono largamente presenti prodotti provenienti da altri Paesi…

Vedi articolo

Hornby Castle, William Turner

Hornby Castle, William Turner

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>