BANCA DATI

Fruit Logistica a Berlino

image_pdfimage_print

Febbraio è il mese di Fruit Logistica a Berlino, dove gli italiani saranno come sempre i primi espositori per numero, i primi contribuenti ai bilanci della fiera berlinese. Nonostante questo primato, l’immagine dell’Italia sarà come al solito molto frazionata, frantumata, senza un chiaro segnale di sistema Paese. Non ci sarà il ministro, ma a questo siamo abituati. Forse non ci sarà neppure il viceministro Andrea Olivero, impegnato in campagna elettorale. Ci saranno tanti assessori regionali, tra cui l’emiliana Simona Caselli anche in veste di presidente di AREFLH, l’associazione delle regioni ortofrutticole europee, che nell’agosto scorso è stata decisiva per salvare il salvabile della stagione di pesche/nettarine. AREFLH è un momento di coordinamento importante a livello europeo, una sede di rappresentanza che può avere un peso nei confronti dei decisori comunitari, come è stato dimostrato. Eppure l’Italia, che pure ha la presidenza, è sottorappresentata in AREFLH: mancano quasi tutte le regioni del Sud, ovvero quelle dove si concentra la produzione ortofrutticola. Sappiamo di contare poco in Europa, ma la colpa è anche nostra, del nostro individualismo, del nostro scetticismo verso istituzioni che funzionano se ci si impegna, se ci si crede. Altrimenti sono statue di cera. Anche a Berlino sarebbe importante esserci come sistema Paese…

Vedi articolo

Piccola Torre di Babele - Pieter Brueghel Il Vecchio

Piccola Torre di Babele – Pieter Brueghel Il Vecchio

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>