BANCA DATI

Editoriale EAI “Energia ambiente e innovazione”

image_pdfimage_print

Abbiamo pensato di iniziare questo 2017 nel migliore dei modi parlando di città. I lettori ci diranno se abbiamo colto nel segno. Noi siamo convinti di aver costruito sulle Smart City un numero della Rivista con articoli di alto livello.

Partiamo dall’inizio: l’intervista al prof. Franco Ferrarotti. È considerato a livello mondiale uno dei più grandi sociologi urbani ed uno dei più grandi esperti di città. La sua intervista è servita a “inquadrare il tema” poiché la centralità delle città nella società contemporanea è ampiamente riconosciuta. D’altra parte l’intervista ci regala una nota di cultura quando afferma che: “Riguardo l’aggettivo inglese smart, questo andrebbe un po’ evitato. So che c’è lo smart phone, ma smart in inglese vuol dire, ed io mi riferisco soprattutto al gergo un po’ dialettale di Manhattan, non proprio intelligente, ma vuol dire furbo più che intelligente, rapido, lesto di mano. Certo non voglio dire lestofante ma lesto di mano, it is smartness. Non è la street smartness, lo street smart è colui che per strada prende cose, raccoglie cose. Invece sarebbe meglio dire clever, termine utilizzato veramente per la persona intelligente, come intus legere: vedere dentro, leggere dentro una situazione. Ma accetto ovviamente il termine smart cities, perché poi le parole sono realtà viventi e quindi bisogna accettare il linguaggio”…

Vedi articolo

Paesaggio invernale con trappola per uccelli - Pieter Brueghel Il Giovane

Paesaggio invernale con trappola per uccelli – Pieter Brueghel Il Giovane

Documenti Correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>