BANCA DATI

CNEN/ENEA Laboratorio Applicazioni in Agricoltura

image_pdfimage_print

PREMESSA

La Conferenza internazionale di Ginevra (1955) Peaceful Uses of Atomic Energy, aprì nuovi orizzonti per la ricerca e l’innovazione, non solo nei settori dell’energia e della medicina, ma anche per le applicazioni delle radiazioni in agricoltura. In quel periodo le Facoltà di Agraria erano dedite all’insegnamento ed alla ricerca, unitamente agli Istituti del CNR più impegnati sulla ricerca di base. Le Stazioni Sperimentali del Ministero dell’Agricoltura coprivano tutti i settori della ricerca agraria e quelle del Ministero dell’Industria, la corrispondente parte industriale.

Nuovi approcci della genetica, basati sull’impiego di mutageni (chimici e radiazioni), erano stati sviluppati in USA, Germania, Svezia, Norvegia, Francia ed India. In seguito alla disponibilità di una sorgente di Cobalto-60 (200 Curie) offerta dalla Commissione americana USAEC (Dr. Pearson), fu progettato il «campo gamma» e si avviò (1956) un programma di radio-genetica sui frumenti (grano duro Cappelli e tenero Brescia) presso l’Università di Pisa, guidato dal Prof. Francesco D’Amato.

Nel 1957 il Prof. Vincenzo Caglioti fu incaricato dal CNRN – organismo attivato nel 1952 dal quale nel 1960 nacque il CNEN – di presiedere una Commissione consultiva (segretario scientifico Gian Tommaso Scarascia Mugnozza) per sviluppare in Italia programmi di Applicazioni delle Scienze nucleari in Agricoltura. I risultati corredati dai pareri di esperti nazionali (A. Buzzati-Traverso, C. Polvani, F. D’Amato) ed internazionali, portarono a formulare una proposta per la istituzione in Italia di un Laboratorio di «Genetica Vegetale», che nel 1961 fu trasformato in «Laboratorio per le Applicazioni in Agricoltura»…

Vedi articolo

Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL 

The Iris Garden at Giverny - Claude Monet

The Iris Garden at Giverny – Claude Monet

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>