VIRTU

BANCA DATI

Bergamo, 27 gennaio 2017 – Giornata del Mais

image_pdfimage_print

La prima sessione della Giornata, intitolata IL MAIS ITALIANO: STATO ATTUALE, STRATEGIE E PROSPETTIVE affronta il tema delle opportunità/ criticità di mercato, coltivazione e difesa da stress biotici e abiotici. Gli interventi affrontano le seguenti tematiche: i) andamento economico e prospettive per il 2017, ii) prospettive innovative di commercializzazione, iii) tecniche di coltivazione innovativa, iv) strategie innovative e integrate di difesa fitosanitaria, v)strategie diversificate di diserbo.

Nella seconda parte della mattinata è prevista una TAVOLA ROTONDA intitolata ISTANZE MAIS NEL NUOVO PIANO CEREALICOLO NAZIONALE, che metterà in luce gli aspetti salienti alla base del ruolo prioritario che il mais deve rivestire nella futura programmazione di ricerca nazionale; l’ iniziativa è sostenuta dal Progetto Rete Qualità Mais, coordinato dal CREA di Bergamo e finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

La sessione pomeridiana, intitolata SPERIMENTAZIONE 2016 e PROSPETTIVE 2017, includerà i risultati delle attività di sperimentazione agronomica realizzate nel corso della campagna maidicola 2016 da CREA – Unità di Ricerca per la Maiscoltura; un contributo sarà dedicato alle micotossine e al livello di contaminazione nelle produzioni maidicole italiane, rilevato tramite la rete di monitoraggio; sarà illustrata l’Attività di Sperimentazione del Registro Nazionale delle Varietà coordinata da CREA Centro di Sperimentazione e Certificazione delle Sementi.

Chiude la Giornata un GRUPPO di LAVORO con focus “LA QUALITÀ DEL MAIS ITALIANO”, che illustrerà le collaborazioni, in atto e future, della Banca del Germoplasma del CREA di Bergamo con Rete Semi Rurali, Slow Food, Istituzioni e Associazioni, nell’ottica comune di contribuire a “Creare sviluppo e innovazione nella biodiversità del mais”.

Programma

The Artist's House at Giverny - Claude Monet

The Artist’s House at Giverny – Claude Monet

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>