BANCA DATI

Agronomi, geologi, chimici e attuari: per pensioni ricche non resta che incrociare le dita

Da ora in avanti il futuro pensionistico dei professionisti dipenderà dall'efficienza e redditività con cui vengono gestite le Casse. Per l'Epap si spera che il 2019 sia l'anno della consacrazione, con i forti rialzi registrati dalle Borse di tutto il mondo.

image_pdfimage_print

Il 2020 per gli iscritti all’EPAP si preannuncia, finalmente, ricco di novità positive, dopo numerosi anni in cui i coefficienti di rivalutazione dei montanti avevano assunto valori estremamente bassi arrivando addirittura a zero nel 2014.

Il valore del tasso annuo di capitalizzazione, ai fini della rivalutazione dei montanti contributivi, che nel 2018 era di 1,3478% viene ulteriormente incrementato nel 2019.

Infatti, il comunicato ISTAT Protocollo Generale 2773899/19 del 21/10/2019 rende noto, ai sensi dell’art. 1 comma 9 della legge n. 335 dell’8 agosto 1995 e del Decreto legislativo 30 aprile 1977 n° 180, il tasso annuo di capitalizzazione ai fini della rivalutazione per l’anno 2019: “Il tasso medio annuo composto di variazione del prodotto interno lordo nominale, nei cinque anni precedenti il 2018, risulta pari a 0,018254 e, pertanto, il coefficiente di rivalutazione è pari a 1,018254” cioè 1,8254%.

Per trovare un valore del coefficiente di rivalutazione dei montanti più elevato occorre tornare indietro al 2009 quando il coefficiente era pari a 3,3201 %, ben un decennio fa.

Altro elemento che dovrebbe, finalmente, influire positivamente sui montanti individuali degli iscritti all’EPAP è la notizia, riportata su tutti gli organi di stampa, dei risultati delle principali borse mondiali nel 2019.

Infatti, leggendo l’entità dei rialzi di alcune borse estere (+ 35,74 %; il Nasdaq, + 37,6%; Buenos Aires, + 50,1 % Atene) si possono notare i forti rialzi raggiunti nel 2019.

Non è stata da meno la borsa di Milano che ha avuto un incremento del + 29,65%.

Complessivamente l’indice Msci World, che racchiude in sé l’andamento di tutte le borse mondiali, è cresciuto nel 2019 del 26%.

Nel 2018 il Bilancio dell’EPAP ha risentito della congiuntura azionaria negativa riscontrata nell’ultima parte del 2018, tanto da avere un risultato negativo di – 312.819,00 euro, come si legge nella Relazione sulla gestione del Bilancio Consuntivo 2018 a pag. 9: “L’esito dell’esercizio è condizionato dall’anomala congiuntura economica mondiale registrata nell’ultimo trimestre 2018..”.

E’ pertanto facilmente intuibile e auspicabile, considerato che la componente azionaria nella gestione del portafoglio EPAP incide per il 29% (Relazione sulla gestione del Bilancio Consuntivo 2018, pag. 17) che i risultati del prossimo bilancio siano sensibilmente migliori e, conseguentemente, che la distribuzione degli extra rendimenti per il 2019 sia tale da compensare il 2018.

Vedi articolo

Quattordici girasoli in un vaso (Arles, agosto 1888)

Quattordici girasoli in un vaso (Arles, agosto 1888)

RelatedPost

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>