BANCA DATI

Home » AGRFOR  »  Note biografiche – AGRFOR

Note biografiche – AGRFOR

image_pdfimage_print

V. Note biografiche (esperti senior)

– Bozzini Alessandro, laurea in scienze agrarie, Università di Pisa (1956), Scuola Normale superiore per le scienze applicate, senior
adviser FAO, già Capo-servizio produzione vegetale della FAO e Direttore per l’Europa della FAO, Direttore Divisione Biotecnologie e Agricoltura dell’Enea, Presidente dell’AGRFOR

– Enrico Martinoli, laurea in Scienze agrarie, Università della Tuscia, ……

– Agostini Gian Marco, laurea in scienze agrarie, Università di ….. (19..), agronomo tropicalista, già senior adviser FAO, direttore
progetti in Africa sub-sahariana, …………

– Antinori Pietro, laurea in scienze agrarie, Univ. di Perugina (1961), specializzazione in agricoltura tropicale (Firenze (1964), direttore di progetti in Africa subsahariana, consulente FAO sia a Roma che sul terreno, esperto per la Cooperazione allo Sviluppo

– Crescenzi Iolanda, laurea in sociologia, Università “La Sapienza” di Roma (1989), già ricercatrice presso l’IFAP (Istituto di Ricerca e
formazione del Gruppo IRI), già coordinatrice di gruppi di ricerca presso la Facoltà di sociologia della “Sapienza”, esperta in formazione,
project management and financing

– Foglino Franco, laurea in scienze agrarie, Università di Torino (1949), specializzazione in agricoltura tropicale (Firenze,1950), direttore
di progetti e centri di ricerca in Africa sub-sahariana, Nord Africa e America latina, già senior expert della FAO, a Roma (Investment
Centre), con numerosissime missioni nei PVS, soprattutto africani.

– Fraddosio Ugo, laurea in.scienze agrarie, Università di Pisa (1958), Scuola normale superiore per le scienze applicate, agronomo
tropicalista, già contollore tecnico del FED et senior adviser FAO, direttore progetti in Africa sub-sahariana, Coordinatore del Forum di
supporto all’ICEF per la scienza e la tecnologia e del Gruppo di riflessione scientica di Villa Corsini

– Grego Stefano, Pro-rettore dell’Università della Tuscia e membro del Roman Forum.

– Kling Giorgio, meteorologo, previsore, colonnello dell’aereonatica militare in congedo, docente di meteorologia e climatologia, membro del Forum per la scienza et la tecnologia di supporto all’ICEF e dell’Associazione non profit Meteo-Ambiente

– Lembo Giampiero, laurea in Scienze agrarie, Università di ………

– Muthoo Maharaji, già ADG e Direttore del Dipartimento Foreste della FAO, Presidente del Roman Forum

– Ristori Tommaso, laurea in scienze agrarie, Università di Firenze, agronomo tropicalista, esperto FAO

– Serra Demetrio, ….

– Tamburrino Antonio, laurea in Ingegneria, Università la Sapienza di Roma (1951), Membro del Club di Roma, attività di ricerca e
didattica al più alto livello, già Direttore di Italconsult, società internazionale di ingegneria, responsabile di una serie di progetti di valenza internazionale, Consulente di numerosi Comuni, Ministeri, Organismi internazionali ed Enti di ricerca, premio della Presidenza del Consiglio per la Scienza e la tecnica.

– Vallerani Sandro, Liceo scientifico, specializzazione in meccanica agraria, Direttore di aziende agricole, esperto in lotta contro la
desertificazione (LCD) in diversi paesi dell’Africa sub-sahariana e del Nord Africa, dove ha diretto programmi di LCD con la tecnologia
Vallerani.

Nell’ottica di uno sviluppo sostenibile, l’AGRFOR ha optato per un approccio globale e partecipativo ai problemi dello sviluppo, soprattutto per quanto concerne lo sviluppo agricolo e del mondo rurale. Ciò implica anche una opzione preferenziale per le tecnologie appropriate e sicure, capaci di catalizzare delle sinergie positive e di avere un effetto trainante. In quest’ottica, i suddetti esperti costituiscono dei gruppi di lavoro inter-disciplinari per l’identificazione e la formulazione di strategie, linee direttive e operative, che sono da testare e adattate alle realtà del terreno e delle popolazioni beneficiarie, con il loro pieno consenso. Il progetto “Opération Acacia” (vedi nota di sintesi alla pagina seguente) è una primo esempio di questo approccio, che caratterizza i progetti di nuova generazione.